giovedì 29 dicembre 2016

RECENSIONE: "Shatter Me - Unravel Me" di Tahereh Mafi


 Schegge di me - Shatter Me

Autrice: Tahereh mafi
Genere: Distopico, fantasy, paranormal romace
Casa editrice:  Rizzoli

264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme progettano la fuga, alla ricerca di un mondo che non la consideri più né un'arma né un mostro, ma una persona speciale, che con il suo potere può fare la differenza.

RECENSIONE


“Schegge di me” è ufficialmente il libro più riletto che io abbia mai avuto e anche uno dei primi libri che lessi circa quattro anni fa ed è anche uno dei miei libri preferiti, ma ho dovuto farmi qualche spoiler dato che era praticamente una serie interrotta, ma pensate un po’! Finalmente dopo quattro anni la casa editrice con tutto il casino e il movimento per riprendere questa serie finalmente possiamo dire di avercela fatta perché il 1 Dicembre abbiamo avuto il seguito *-*!
Tahereh Mafi è una scrittrice Meravigliosa e anche la sua storia lo è. Soprattutto nel testo ci sono presenti degli elementi come il testo sbarrato o l’uso frequente dei numeri che ci fanno capire, entrare nel mondo di Juliette.
Che mondo? Schegge di me è ambientato in un futuro distopico, ma essendo un primo libro scopriamo ben poco del mondo in cui vive Juliette anche perché ricordiamo che lei è praticamente chiusa in una cella da ormai un anno, ma non solo per tutta la sua vita è stata costretta a scappare. Perchè? Andiamo per gradi.

Il futuro distopico, è un mondo devastato da tutto lo sfruttamento umano,  le conseguenze sono state talmente dure che il cielo non ha più il suo colore e tra le nuvole non c’è nemmeno un piccolo uccello.
Juliette, diciassettenne, è da tutta la vita che non può toccare nessuno, ma la sua ultima volta è stata circa tre anni fa. Ed è finita male.
 Perché Juliette ha una maledizione.
 Non appena tocca un’altra persona, questa muore, lei ne assorbe tutta l’energia.  Nemmeno i suoi genitori la amano, infatti non hanno battuto ciglio quando hanno chiamato i rinforzi ed è stata praticamente trascinata via dalla sua casa per essere portata in una cella.

Ed è da quella cella che scopriamo grazie alle sue parole quanto si senta sola, quanto quelle quattro mura la rendono prigioniera nel suo stesso corpo a farle compagnia solo il battito del suo cuore ed il suo respiro. LA sua unica speranza di non impazzire è quella piccola finestra che affaccia sul mondo, un mondo devastato da non riuscire a capire se è giorno o notte, in cui la terra si fonde con il cielo e lì...

Sogna di poter vedere un uccello volare.
Quello stesso uccello che rivede sul corpo del ragazzo che le hanno rinchiuso in cella.
Nella sua cella.
Non sa il suo nome.
Adam.
Non può toccarla. Riesce a sentire il calore della sua pelle.
Ma tutto cambia.
Perchè lui la sfiora.
La tiene tra le braccia.
Se ne innamora. Profondamente. 
Anche Juliette.
Finalmente dopo diciassette anni della sua vita, può sentire il calore di un corpo accanto al suo.

Intrappolata nella prigione con Warner, il presidente della Restaurazione. 
Ma il cuore pieno d'amore per Adam.

Io ho amato da morire Shatter Me - Schegge di me. Ho amato i mille pensieri di Juliette, mi sono quasi sentita come se fossimo una persona sola, lo stile della Mafi ti rapisce, ti fa entrare nella storia profondamente. Quando leggevo di Juliette che si sentiva intrappolata nella sua stessa pelle, i sentimenti dolorosi che prova, la solitudine, l'idea di non essere mai stata amata da qualcuno, nemmeno dalla sua famiglia è davvero straziante. 
E poi c'è Adam, che le ridà speranza e ogni volta che erano insieme, potevo sentire le emozioni sopraffarmi. Perchè quando non si riceve amore, quello che vuoi è riceverne ancora e ancora, perchè ne hai bisogno, perchè è l'unica cosa di cui hai bisogno.
E Warner... Ora che ho terminato il secondo, posso dire che sì, è stato una persona crudele... Ma  non è stata mai una sua scelta, ma quando vede Juliette, vuole assolutamente farla sua perchè vede in lei qualcosa che nessun altro vede. Il potere,

A distanza di anni, il mio voto non è cambiato, così come l'affetto che provo per questi personaggi.
ho sempre pensato che Adam sia la scelta giusta per Julliette,nonostante tutto, le emozioni che mi trasmettevano erano davvero fortissime e ... adoro Adam. E' più forte di me.

ACQUISTALO QUI

2 commenti:

Sono felice che il post vi sia stato d'aiuto, grazie di cuore per essere passate, mi farebbe tantissimo piacere se lasciaste anche un piccolo segno del vostro passaggio <3